La soluzione al problema dell’ umidità di risalita

Perché scegliere il dispositivo Aquapol?

La soluzione ecologica per salvare la tua casa

  • Perché è presente sul mercato internazionale da 32 anni con numerose installazioni in edifici storici, religiosi e artistici
  • Perché e risana i muri dall'umidità in modo permanente
  • Per non vedere più macchie di muffa in giro
  • Per risparmiare sui costi di bollette di riscaldamento
  • Per poter apprezzare di più casa propria senza il problema assillante dell’umidità di risalita e i cattivi odori di muffa

Presentazione Aquapol 2018 - Umidità di risalita

Presentazione video di Aquapol

Una soluzione efficace

 

  • Senza lavori edili: non occorrono lavori edili per deumidificare
  • Definitiva: risolve alla radice e per sempre il problema
  • Affidabile: 31 anni di esperienza e più di 50.000 installazioni nel mondo sono una garanzia di affidabilità
  • Ecologica, senza elettrosmog: innocua, ad impatto zero, non ha bisogno di corrente elettrica per funzionare
  • Garantita al 100%: garanzia “muri deumidificati o rimborsati”.  Garanzia di 20 anni

senza Aquapol - umidità di risalita

senza Aquapol - umidità di risalita

Come funziona la tecnologia Aquapol

umidità di risalita

Il dispositivo Aquapol (Fig. B/4) non utilizza energia elettrica e, pertanto, non sviluppa campi elettro-magnetici; all'interno è costituito da antenne trasmittenti e riceventi (vedi Figura A). Non sono presenti al suo interno componenti elettriche ed il materiale di cui è composto non è deteriorabile. La Terra è soggetta a delle vibrazioni (onde) magneto-gravitazionali, le quali vengono captate dal dispositivo di risoluzione dell'umidità di risalita Aquapol (forma di cono della Fig. B/5) mediante la sua antenna ricevente (Fig. A/1).Sempre all'interno del dispositivo è presente un’unità di polarizzazione (Fig. A/2 = polarizzatore), la quale inverte la direzione delle vibrazioni (onde) captate dall'antenna ricevente; l'energia polarizzata così in senso inverso viene ritrasmessa nell'ambiente dalle antenne trasmittenti (Fig. A/3) fino ad un certo raggio d’azione (Fig. C/6). Dalla parte superiore del dispositivo confluisce dell’energia aggiuntiva, la cosiddetta energia cosmica libera, così come definita in Fisica (Fig. C/7).

Tutti i muri che ricadono entro il raggio d'azione del dispositivo (Fig. D) sono soggetti al fenomeno di deviazione del flusso dell'acqua (umidità di risalita) presente al loro interno, verso il sottosuolo. Dentro il muro l'umidità tenderebbe a salire per effetto del fenomeno della capillarità. Dopo l'installazione del dispositivo Aquapol, le molecole d'acqua salina si dirigono verso il basso (in seguito ad un’effetto fisico che si manifesta solamente all'interno del muro), il muro affetto da umidità di risalita si deumidifica e si mantiene asciutto da lì in poi.

Regolazione del dispositivo

L'apparecchio viene tarato a seconda dell'edificio da prosciugare dal fenomeno dell'umidità di risalita, poiché il suo raggio d'azione, che attraversa muri e pareti, può raggiungere dai 70 ai 400 mq di superficie piana. L'energia utilizzata da Aquapol è la stessa energia con la quale convivono tutti gli esseri viventi da quando esiste la terra. La funzione dell'apparecchio è solo quella di invertire la direzione di questa energia senza creare scompensi biologici, bensì un effetto benefico per tutte quelle forme di vita che si trovano sopra le zone geo-patogene (ossia zone con elevate radiazioni terrestri, per esempio disturbi causati da falde acquifere, ecc.).

Il dispositivo viene selezionato, tra i vari modelli disponibili, in base alle caratteristiche dell'edificio da deumidificare. Il raggio d'azione di un singolo dispositivo Aquapol si estende attraverso muri e pareti e può perfino superare, nel caso del modello più grande, i 1000 mq di superficie piana. L'energia utilizzata dal dispositivo è la stessa con la quale convivono tutti gli esseri viventi da quando si è formata la Terra. Il dispositivo inverte semplicemente la direzione di questa energia senza creare scompensi biologici; apporta invece un ‘effetto benefico a tutte quelle forme di vita che si trovano sopra le cosiddette zone geo-patogene (zone con elevate radiazioni terrestri: aree in cui si sperimentano dei disturbi, malesseri causati dalla presenza di falde acquifere sotterranee, ecc.).

installazione dispositivo contro umidità di risalita

I tre segreti dell'umidità di risalita capillare nei muri

Ci sono tre dati di fatto relativi all'umidità di risalita nei muri, spesso molto trascurati e non così noti come dovrebbero:

 

PIU’ SI FA RESPIRARE IL MURO E PIU' SI INUMIDISCE

Il muro si comporta come lo stoppino di una lampada ad olio: più si fa bruciare olio e più viene richiamato altro olio dal serbatoio. Allo stesso modo, più un muro umido viene fatto traspirare e più evapora acqua; per ogni litro di acqua che evapora dal muro, viene richiamato un altro litro di acqua dalle fondazioni (e l’acqua nel terreno è infinita). Il muro, quindi, si comporta come una pompa che funziona tramite l’evaporazione dell'acqua dal muro umido. Il muro umido, a contatto con l'aria degli ambienti interni o esterni, fa evaporare acqua dall'intonaco, la quale richiama altra acqua dalle fondazioni, creando questo tipo di umidità.

I PRINCIPALI DANNI AI MURI SONO CREATI DAI SALI MINERALI DISCIOLTI DALL’ACQUA

Sembra incredibile ma è proprio così; l'acqua dei muri è responsabile, al limite solo della muffa nera. I veri danni ai muri, come pittura che fiorisce e si scrosta, intonaco che si sfalda e mattoni che si corrodono vengono creati dai SALI MINERALI presenti nel terreno. Fra questi sali minerali, il più noto è il nitrato di potassio, detto Salnitro. Questi Sali, presenti sia nel terreno che nei materiali usati per costruire il muro (mattoni e malta), sono disciolti nell'acqua e vengono spinti all'interno dei mattoni dal movimento capillare dell'acqua. Quando arrivano sull'intonaco, l'acqua evapora mentre i sali rimangono e cristallizzano. Avete mai notato che l'acqua gelando aumenta di volume? Ebbene questi sali, cristallizzandosi, possono aumentare fino a 12 volte il loro volume e generare così delle elevate pressioni nella muratura, fino a 2000 kg per centimetro quadrato. Sono queste pressioni che fanno fiorire la pittura murale e fanno scoppiare gli intonaci. I sali, col tempo, ostruiscono completamente gli intonaci, rendendoli praticamente impermeabili e impedendo loro di traspirare.

I MURI UMIDI POSSONO CONTENERE MIGLIAIA DI LITRI DI ACQUA

I mattoni sono molto porosi, di fatto sono come delle spugne. Questa è la causa del fatto che assorbono l'acqua. Il 30% dello spazio dei mattoni è rappresentato da aria. Quindi, un metro cubo di mattoni può arrivare a contenere, alla saturazione, fino a 300 litri di acqua.
Una casa afflitta da umidità di risalita può quindi avere dentro i suoi muri migliaia di litri di acqua. Nel caso di taglio dei muri, metodo ancora tristemente consigliato da molti tecnici, dove va a finire tutta quest'acqua? Da nessuna parte. Tutte quelle migliaia di litri di acqua continueranno a creare problemi alla gente che ci abita. Una muratura umida, infatti, ci mette circa 7-8 anni per prosciugarsi completamente dall'umidità di risalita da cui è afflitta. In tutti questi anni, le murature continueranno ad essere umide, a dissipare calore all'esterno e a farvi spendere soldi in riscaldamento per niente.

I commenti sono chiusi