Domande & Risposte

Risposte alle domande più comuni

Una volta che il dispositivo è stato installato inverte la polarità delle molecole d’acqua dentro il muro e rimanda l’acqua nel terreno da dove era salita. Non si tratta di resine chimiche e funziona senza batterie e senza corrente elettrica. È per questo motivo ecologico ed economico.
Per avere maggiori dettagli sul suo funzionamento leggi qui.
No, assolutamente.
Il dispositivo deumidifica solo i muri (di pietra, mattone, calcestruzzo ecc…).  Agisce sulle interazioni elettrochimiche presenti dentro la materia, la muratura. I benefici sulla salute del sistema Aquapol sono stati studiati e documentati negli anni ’90 dopo numerosi test svolti in Germania. Sono disponibili su richiesta.

DOWNLOAD LA BIO-BROCHURE
Il dispositivo sfrutta l’energia naturale presente nella terra e grazie ad un sistema di antenne, dirigendola nei muri, riesce ad influenzare l’acqua che essi contengono.
Questo tipo di energia è presente dappertutto nel nostro pianeta e ci conviviamo sin da quando esiste la Terra. Ne vediamo la manifestazione ogni giorno: una dimostrazione dell’esistenza di quest’energia è data dal movimento dell’ago della bussola che non usa nessuna batteria od elettricità ed il suo movimento e direzione ci indica comunque il nord, il sud; un altro esempio è dato dalla cosiddetta radio a galena …. che funzionava senza batterie e senza essere collegata alla corrente; ci sono poi altre manifestazioni dell’esistenza di forme di energie cosiddette libere…)
No. Un solo dispositivo è sufficiente per deumidificare l’intera casa od edificio.
L’energia che utilizza il dispositivo non viene fermata od ostacolata dai muri o dai solidi in generale.
Trapassa i muri agevolmente e produce i suoi effetti all’interno di essi in maniera certa e sicura, come tra l’altro testimoniato dalla riduzione dei valori d’umidità dei muri posti anche a diversi metri di distanza dal dispositivo.
Esistono 12 tipi di umidità che possono affliggere un’abitazione.
Il dispositivo Aquapol risolve l’umidità di risalita capillare.
Il problema del pavimento umido potrebbe essere determinato da altre cause d’umidità: infiltrazioni, condensa superficiale, falda alta, altre cause in genere. Per poter risolvere questo tipo di problema è necessario eseguire una diagnostica fatta su misura che consenta di trovare la fonte del problema permettendone una risoluzione definitiva.
Certamente. In questo caso bisogna tenere anche presente che i muri contro-terra sono a contatto diretto con il terreno e quindi in questi casi potremmo avere a che fare con una duplice causa di umidità: infiltrazioni laterali dal terreno ed umidità risalita.
Il dispositivo Aquapol risolve l’umidità di risalita ma se delle infiltrazioni laterali sono presenti per mancanza di una guaina esterna verticale occorrerebbe fare degli altri interventi per risolvere al 100% e senza correre nessun rischio gli effetti delle infiltrazioni laterali.
Mediamente sono necessari dai 18 ai 36 mesi. Il tempo del processo di deumidificazione dipende specificatamente dallo stato iniziale in cui si trovano i muri (ad esempio: dall’altezza della risalita capillare, dalla quantità d’umidità presente nei muri, dalla concentrazione di sali minerali) e dalla tipologia dei materiali che li compongono. Abbiamo dei casi in cui abbiamo deumidificato murature prive di intonaco anche dopo 12 mesi dall’installazione, per esempio.
Con il dispositivo Aquapol i muri si deumidificano. Se gli intonaci sono stati danneggiati dai sali minerali e dall’umidità che erano contenuti al suo interno, certamente bisognerà sostituirli.
No. Noi consiglieremo il periodo appropriato in cui intervenire ed i materiali, che devono essere utilizzati, idonei per un risanamento efficace e duraturo. I lavori comunque devono essere eseguiti dalla vostra impresa di fiducia.
Abbiamo una lunga lista di referenze e di clienti. Certamente potremo fornirle i dati di qualche nostro cliente che ha provato direttamente la nostra tecnologia e che può parlarne con cognizione di causa.
Stiamo facendo del nostro meglio per far conoscere la tecnologia a più persone incluso i professionisti. Negli ultimi 5 anni sono stati tenuti parecchi seminari professionali presso gli ordini degli architetti, dei geometri ed ingegneri e sono stati informati, nel solo Nord Ovest dell’Italia, circa 10.000 professionisti.
Siamo presenti nelle fiere di settore e non solo. Come ben saprà fino a qualche anno fa non esistevano sul mercato le cosiddette tecnologie alternative ai metodi invasivi tradizionali ormai superati (taglio chimico del muro, taglio fisico). Da quando Aquapol ha iniziato la sua attività commerciale, nel lontano 1985, l’utilizzo delle tecnologie classificate come non invasive è diventato una realtà.
La casa madre si trova in Austria, a Reichenau/Rax a circa 80 km da Vienna. In Italia, come in ogni nazione in cui Aquapol è presente vi sono dei concessionari ufficiali (in Italia sono 4) che sono attivi nelle rispettive zone di competenza ed i quali sono responsabili della commercializzazione, dell’installazione dei dispositivi e del servizio di assistenza post-vendita. Ognuno di essi ha una propria sede.
Poi, a prescindere dalla localizzazione degli uffici dei concessionari, vi sono agenti ed installatori in tutt’Italia pronti a dare un’assistenza tecnica celere ed professionale.
Con un’esperienza di 34 anni sul mercato internazionale ( ad oggi siamo presenti in 35 nazioni) e dopo un numero di installazioni che ad oggi supera le 55.000, noi siamo in grado di dare una solida duplice garanzia:
Una garanzia di risultato: “Muri deumidificati oppure rimborsati”
Una garanzia di funzionamento del dispositivo di 25 anni.
Se non si ottiene come risultato finale del nostro intervento, la deumidificazione dei muri, il cliente viene rimborsato.
Noi seguiamo sempre la normativa austriaca ONORM … e la normativa europea UNI…., che prevede il carotaggio della muratura e l’estrazione di campioni di farina di trapanatura. Tali campioni vengono poi essiccati e pesati in una termo-bilancia davanti ai nostri clienti. La bilancia mostrerà i valori di umidità dei campioni estrattI.
Tutte queste attività vengono svolte a casa del cliente o del committente, in sua presenza. Ad ogni materiale di costruzione corrisponde un valore di umidità naturale che viene raggiunto.
Il punto verrà deciso dal cliente insieme al tecnico durante l’installazione. Il dispositivo sarà installato in un punto di cui il cliente sia soddisfatto ed il dispositivo produca il miglior risultato possibile.
Una spiegazione riconosciuta dalla fisica classica non esiste fino ad oggi. Il nostro metodo si basa su un'ipotesi del 1992, che con gli strumenti disponibili dalla tecnologia attuale non può essere né confermata né confutata.
Di certo e sicuro c’è che decine di migliaia di edifici sono stati prosciugati e mantenuti asciutti con la tecnologia Aquapol. Ciò è stato obiettivamente verificato confrontando le condizioni dei muri prima dell’installazione del dispositivo e dopo di essa nel corso degli anni successivi.
Tali successi sono stati confermati ripetutamente ed invariabilmente nei numerosi Paesi in cui Aquapol è presente (ad oggi 35 nazioni).
Alcuni dei nostri clienti all'inizio erano scettici, ma poi si sono dovuti ricredere davanti alla prova obiettiva di un muro originariamente umido e poi divenuto asciutto. Il tutto confermato da valori di umidità all’interno al muro che decrescono annualmente fino ad attestarsi su dei valori relativi ad un muro asciutti.
Inoltre a conferma di ciò, gran parte della nostra attività commerciale deriva dalle referenze forniteci dai nostri clienti soddisfatti che consigliano ad amici o parenti il nostro metodo.
Se siete interessati ad avere dei muri asciutti e desiderate maggiori informazioni sulla nostra tecnologia, non esitate a contattarci. Per chi fosse interessato all’aspetto scientifico della tecnologia, l'inventore, l’Ing. Wilhelm Mohorn, è sempre disponibile ad un colloquio personale.

Riferimento: Raumenergie - L'enigma decodificato

risultati umidità di risalita

x

We use cookies to give you the best online experience. By agreeing you accept the use of cookies in accordance with our cookie policy.

I accept I decline